Novità: analisi fondamentale delle azioni italiane

E’ con immenso piacere che finalmente oggi apre una nuova sezione del sito interamente dedicata alle analisi fondamentali svolte sui titoli azionari italiani. Si passa dalla teoria alla pratica!

Sebbene questa sezione sia ancora in una fase beta, offre già tantissime analisi svolte come il calcolo dei flussi di cassa scontati, oppure il Peter Lynch Value, il calcolo del numero di Graham

Il primo titolo azionario che metto a disposizione di tutti è cattolica assicurazioni.

Ho pensato che fosse molto importante riportare anche l’andamento dei fondamentali che si trovano sotto la voce storicità. C’è, ad esempio, il grafico dell’andamento dei flussi di cassa degli ultimi 10 anni, quello del debito e di tanti altri parametri importanti.
Il grafico a barre verticale consente di capire subito se storicamente il dato sotto osservazione è migliorato o peggiorato nel tempo.
Alla destra del grafico a barre c’è un numero che varia da 0 a 1. Più si avvicina ad 1 (meglio ancora lo raggiunge) più l’andamento è migliorato nel tempo. Viceversa è peggiorato.
Alla destra di questo numero apparirà l’indicatore che riassume subito la valutazione del dato.

Sotto la voce opportunità invece vengono riportati i valori intrinseci del titolo azionario ottenuti mediante diverse metodologie.
Ogni metodologia può essere approfondita cliccando sul relativo link che porta alla relativa pagina di svolgimento delle operazioni analitiche.
Alla destra viene riportato il numero ottenuto come rapporto tra prezzo di mercato e fair value. Un buon valore dovrebbe essere compreso da 0 ed 1.
Inoltre anche per queste voci è presente l’indicatore che ci segnala se il dato è positivo o negativo.

Per suggerimenti e consigli lascia un commento.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sono consentiti i seguenti tag e attributi HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>